Accedi al sito
Serve aiuto?
image0
image1
image2

Progetti » Palazzine Residenziali e Parco Pubblico

Il giardino pubblico di via Boccaccio, parte di un Programma Integrato d'Intervento, si muove lungo linee strategiche studiate che si possono riassumere in tre punti: 
•       riallacciamento dei rapporti di coerenza e integrazione urbanistica 
•       creazione di maggiori spazi aperti  
•       fruibilità dell'area verde da parte degli edifici pubblici per l’istruzione primaria che si trovano a poche centinaia di metri dall’ambito di intervento. 
Il progetto ha suddiviso il giardino in due aree principali destinate ad ospitare i giochi per bambini di età differente. E' stato studiato e realizzato un sistema distributivo in autobloccanti che unisce le due aree gioco in gomma morbida riciclata e colorata all'area relax, costruita sotto un pergolato, con funzione anche di panottico rispetto all'intero giardino attrezzato. 
All'entrata è stata prevista una piccola "piazza" che sarà utilizzata, anche, come zona di messa a parcheggio delle biciclette. 
Intorno a tutta l'area gira un "muretto saliscendi" che "avvolge" il giardino in una sorta di abbraccio metaforico e introduce un elemento paesaggistico tridimensionale, che implementa il rapporto fra aree "artificiali" e superfici più propriamente verdi. 
 
The   public   park   in   Via  Boccaccio,  part  of  an  Integrated Development Scheme, keeps to the planned strategic lines which can be summarised in three points:  
•       reinstating   urban   planning   coherence   and   integration   
•       creating larger open spaces  
•       improving use of the park areas by the public primary schools housed in buildings just a few hundred metres from the area for development. 
The project subdivides the park into two main areas where children of different ages can play. A distribution system is designed and constructed using interlocking paving blocks to unite the two play areas in soft recycled and coloured rubber to the relaxation area beneath a pergola, which also serves as a panoptic for the whole playground area. A small “square” provided at the entrance will also be used as a parking place for bicycles. The whole area is surrounded by an “up and down wall” that metaphorically “embraces” the park and introduces a three-dimensional landscape element to form a link between “artificial” areas and those with natural greenery. 

 
1